Risparmiare sui costi delle certificazioni Iso 9001 e Ohsas 18001

Risparmiare e abbattere i costi delle certificazioni di sistema Iso 9001 e Ohsas 18001 è possibile grazie al Web. Cercare online per scandagliare il mercato delle centinaia di enti certificatori con quotazioni molto competitive. Nel mondo reale per risparmiare bisogna cercare anche fuori dai confini regionali. Questo vale ancora di più per il business, nel campo delle certificazioni di sistema diventa fondamentale adattarsi al nuovo mercato interconnesso con lo strumento del Web.

Per evitare di dover sfogliare le migliaia di pagine che Google ci restituisce con una ricerca molto generica, è necessario utilizzare frasi più precise e dettagliate, che raccihudano almeno 3 parole chiavi della nostra ricerca. Un esempio può essere "broker certificazioni di sistema" oppure "quotazioni certificazioni di sistema". L'ultima è meglio ancora, perchè obbglighiamo il motore di ricerca a recuerare esclusivamente pagine che riportano quotazioni e/o preventivi sulle nostre certificazioni.

Un'operazione non più impossibile o difficile, ma comunque alla portata di mano di chiunque. Basta difatti avere un PC e una connessione ad internet per cercare tramite i motori di ricerca le centinaia di società di certificazione presenti in Italia.

 

I costi delle certificazioni di sistema Iso 9001 e Ohsas 18001 possono essere tenuti facilmente sotto controllo, e sopratutto, sono certi sin dall'inizio. In questo articolo precedente abbiamo chiarito un primo e valido metodo per risparmiare sui costi certificativi, facendo ricorso ai BROKER online, in grado di scandagliare il mercato dell'offerta per individuare le società di certificazione (enti) con i costi più bassi a parità di servizio offerto.

 

In questo secondo post invece affrontiamo un altro metodo, che poi è speculare al primo: cercare online sul più grande motore di ricerca. Basta cercare su Google termini del tipo "certificazione Iso 9001", oppure "certificazione Ohsas 18001", oppure altre frasi del genere per ottenere una lista infinita di pagine e siti web che trattano l'argomento. Ora la ricerca va affinata il più possibile, altrimenti si rischia di ricevere risultati non pertinenti o comunque non utilizzabili. Sono infatti molti i blog, magazine e quotidiani che trattano l'argomento delle certificazioni di sistema, ma ovviamente non sono ciò che ci serve.

Il senso è quello di ripulire le pagine dei risultati di ricerca dalla miriade di link e siti web che a noi non interessa. La ricerca può essere ulteriormente affinata, inserendo altre parole chiavi mirate, come ad esempio il budget massimo da spendere, oppure termini quale "veloce" e "costi" per recuperare broker e/o enti certificativi che rispondano con celerità alle nostre richieste.

Quello che invece è da EVITARE è la geolocalizzazione della ricerca, cioè l'inserimento di parole che possano limitare la ricerca alle zone geografiche di residenza. E' una tecnica errata, perchè si riduce drasticamente la possibilità di trovare enti certificativi la cui organizzazione aziendale e la strutturazione del lavoro è tale da permettergli di avere costi molto competitivi e sono in grado di rilasciare il certificato velocemente anche in zone lontane geograficamente. Queste società hanno organigrammi molto leggeri e flessibili con collaborazioni sparse in ogni dove. Non ci saranno coti aggiuntivi o trasferte al personale da pagare, al contrario il risparmio è assicurato.

Più sarà dettagliata la ricerca, maggiore sarà la facilità di trovare nelle prime pagine le aziende che fanno al caso nostro. Non va dimenticato che i grandi organismi di certificazione possono contare su un posizionamento sui motori migliore, questo è dovuto al grande numero di pagine dei loro siti aziendali, e agli investimenti finanziari in marketing digitale che riescono ad elargire. Cosa difficile invece per le piccole società. Ma certamente non sono le dimensioni aziendali che permetteranno di risparmiare sui costi di una certificazione iso 9001 o di una certificazione ohsas 18001.

Scrivi commento

Commenti: 0